Prende il via oggi, giovedì 18 maggio, l’edizione numero trenta del Salone Internazionale del Libro di Torino. L’appuntamento si rinnova ogni anno a maggio nei quattro padiglioni di Lingotto Fiere, il comprensorio del celebre stabilimento Fiat con la rampa elicoidale e la pista sul tetto. Il Salone è promosso dalla Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura e dai 100.000 passaggi dichiarati e 553 espositori della prima edizione nel 1988, è cresciuto fino ai 127.596 visitatori e i 1.000 espositori del 2016, e ai 1.080 espositori ospiti dell’edizione 2017. “Il Salone di Torino è al tempo stesso la più grande libreria italiana del mondo, un prestigioso festival culturale, un essenziale punto di riferimento internazionale per gli operatori professionali del libro e un importante progetto educational dedicato alla promozione del libro e della lettura presso i giovani lettori – spiegano gli organizzatori -. Tutti elementi che, da sempre, gli permettono di affrontare con entusiasmo qualunque sfida all’insegna dell’innovazione e del cambiamento”.

L’evento, che proporrà una serie di interessanti appuntamenti fino al 22 maggio, ospiterà all’interno dei 45mila metri quadri di superficie espositiva dei padiglioni del Lingotto Fiere, 11 mila metri quadri commerciali e 452 stand (l’anno scorso erano 338), a cui si sommano i 9 stand dei progetti speciali. Dei 442 stand delle case editrici, 417 sono di editori italiani e stranieri ospitati da colleghi; si contano anche 10 fra case discografiche ed editori musicali, oltre a 12 spazi dedicati alle Regioni e 3 stand internazionali (Cina, Romania e Marocco).

Tante anche le sezioni tematiche proposte: da quella che permetterà di scoprire il volto autentico degli Stati Unici con “Another side of America”, a quella dedicata alle donne “Solo noi stesse”, dalla “Festa Mobile” a “L’età ibrida” e allo spazio dedicato all’Italia che risorge dopo il terremoto con “Il futuro non crolla”. E non solo: ce ne sarà veramente per tutti i gusti.

Il Salone del Libro però non rimarrà chiuso all’interno dei padiglioni del Lingotto: grazie ad una serie di iniziative sarà animato l’intero territorio cittadino con una serie di incontri, concerti, esibizioni, feste. Tutti fanno parte del programma del “Salone Off”, che si svolgerà in 150 luoghi tra Torino e altre località del Piemonte.

Spazio, tra l’altro, a Superfestival, che raggruppa 80 festival culturali italiani, in rappresentanza di diciotto regioni, in grado di riunire il meglio delle manifestazioni che “producono cultura” in tutta la Penisola. Un vero e proprio “festival dei festival”, durante il quale ogni festival porterà in dote un incontro con un ospite di rilievo internazionale: si passerà da “Dialoghi sull’uomo” (Pistoia), a “Caffeina” (Viterbo), dal “Festival della mente” (Sarzana) al “Marina Cafè Noir” (Cagliari).

Trovate tutte le informazioni sul sito www.salonelibro.it

Maura Savaris