Regia: Cyril Dion e Melanie Laurent

Qualche settimana fa ho visto Captain Fantastic bellissimo film di Matt Ross. Ben Cash (Viggo Mortensen) vive con i suoi sei figli nel cuore delle foreste del nord America educandoli lontano dal conformismo, dal consumismo occidentale, dalla civiltà, abituandoli a coltivare la terra, a procacciarsi il cibo e a sviluppare un pensiero indipendente.

Mentre mi stavo chiedendo se esiste veramente la possibilità di una vita alternativa o se quella raccontata in Captain Fantastic è solo una fantasiosa visione mi sono imbattuto in Domani, documentario del 2015 realizzato da Cyril Dion e Melanie Laurent che ci apre una finestra verso un possibile mondo alternativo. Non potevo non raccontarvelo.

domani-trailer-italiano-del-documentario-di-cyril-dion-e-melanie-laurent-2

Locandina del film Domani, documentario di Cyril Dion e Melanie Laurent, 2015.

L’inizio è scioccante, una voce fuori capo ci racconta: «È stato pubblicato non molto tempo fa uno studio che annunciava la possibile fine dell’umanità. Un gruppo di 21 scienziati ha stilato una relazione speciale per la rivista Nature. Il clima, la distruzione del pianeta e la crescita demografica ci spingono sull’orlo del baratro. Gli scienziati dicono che la biologia della terra cambierà completamente, questo cambiamento sarà radicale quanto l’ultima glaciazione avvenuta 11.000 anni fa. Siamo sull’orlo di un’estinzione di massa?».

I nostri figli cresceranno in un mondo in cui cibo, acqua e petrolio saranno difficili da reperire? Un mondo in cui le città saranno sommerse dagli oceani? Prima della fine di questo secolo parte del genere umano potrebbe scomparire?

I coordinatori dello studio pubblicato sulla rivista Nature, Liz Hadly e Tony Barnosky, raccontano che l’incremento della temperatura globale prevista, la crescita demografica e scarsità di risorse potrebbero portare flussi di popolazione a spostarsi a collidere con altre in un crescendo di lotte per la sopravvivenza.

Cyril Dion e Melanie Laurent, insieme ad alcuni amici che lavorano nel mondo del cinema pensano che per dirlo a milioni di persone, c’è una sola soluzione: fare un film. Decidono di andare in giro nel globo alla ricerca di uomini e donne che offrono alternative creative. Nasce così il progetto Domani, un film che ha lo scopo di ispirare le persone a creare un mondo diverso strutturando un’analisi in cinque distinti capitoli dedicati a: agricoltura, energia, economia, democrazia e istruzione.

Scoprirete che ci sono piccoli produttori agricoli altamente produttivi, realtà che si stanno rendendo autonome dai combustibili fossili grazie all’utilizzo di risorse energetiche naturali, sistemi monetari complementari che aumentano l’economia in micro realtà chiuse, sistemi alternativi alla democrazia rappresentativa e scuole basate su un’istruzione indipendente incentrata sul valore della collaborazione e del rispetto.

Negli Stati Uniti mediamente un prodotto alimentare prima di essere consumato percorre 2.400 chilometri. Perché non coltivare il cibo più vicino a dove vive la gente? Perché non riscoprire i piccoli produttori? Esistono micro fattorie senza trattori né petrolio che incrementano la produttività fino a 4 volte grazie a coltivazioni biologiche e alla permacultura, che creano posti di lavoro, rigenerano l’ecosistema e producono cibo più sano.

Scoprirete che ci sono due centrali nucleari in Francia solo per soddisfare il consumo energetico delle apparecchiature in stand-by, che uno schermo pubblicitario consuma l’energia necessaria per soddisfare le apparecchiature elettroniche di due famiglie. Rifletterete sul fatto che per spostarci utilizziamo l’energia per muovere un veicolo di 1.500 chilogrammi quanto mediamente una persona pesa circa 70 chilogrammi. Si stima che addirittura il 65% circa del consumo di energia sarebbe evitabile.

Quando capiremo che la nostra società dei consumi basata sulla costante crescita della produzione e dei consumi non è più sostenibile? Che dovremmo contrastare la recessione cominciando a cambiare il nostro sistema di vita?

Con uno stile semplice e diretto, accompagnato da una colonna sonora suggestiva Domani non ci spinge solo a farci domande ma ci fornisce anche risposte concrete e reali attraverso il racconto di realtà in cui sono state fatte scelte di vita alternative. Certo, esistono nel mondo situazioni in cui c’erano delle condizioni favorevoli a certi cambiamenti, ma credo che Domani abbia il merito principale di accendere una speranza, affinché, forse, i figli dei nostri figli potranno avere un’alternativa.

Occorre divulgare il messaggio, creare un pensiero diverso, credere che un futuro alternativo sia possibile. A me piace pensarlo.                        

Gianluca Grannò

Voto **** 1/2  

Legenda

***** la perfezione; **** da non perdere; *** interessante; ** pregi e difetti; * passiamo oltre.