La rivoluzione antropologica: dalle arti al mondo spirituale

“Indipendenti, Ribelli e Mistici. La rivoluzione antropologica: dalle arti al mondo spirituale” è il nome della rassegna ideata da Mara e Mario Vespasiani per l’estate 2017 nell’ambito della seconda edizione del Festival La Sibilla e i Nuovi Visionari, che vuole riflettere sulla comprensione del presente attraverso inconsuete chiavi di lettura, che partono dalle arti – come forme visibili ed immediate della dinamicità delle idee – passano per quella che viene conosciuta come ispirazione – cioè quella facoltà che porta a cogliere in ciò che ci attrae un codice da interpretare – e arrivano alla scoperta del sentimento spirituale, ossia di quella condizione capace di elevare il proprio sé, per scorgere nella sorgente invisibile una sensibilità inaspettata.

Agli autori coinvolti, verrà chiesto, facendo leva sulla propria esperienza professionale, di interpretare il periodo storico attuale e di proporre una visione che potrà dirsi politica, alternativa e possibile ora, rispetto al declino di una società materialistica, egoica e individualista, sempre più scissa con la madre terra. La rassegna si pone il fine di maturare una consapevolezza che ha il sapore di una insurrezione del pensiero e di proporre un’alternativa, all’attuale fase di turbocapitalismo che sta attraversando la nostra società, per stimolare una serie di processi verso l’unificazione col tutto.

Mara e Mario Vespasiani hanno immaginato tale serie di incontri, che intrecciano arte ed educazione, meditazione e musica, ecumenismo e attivismo, per osservare la società dalla prospettiva delle arti – grazie all’attitudine che hanno di anticipare gli eventi, come percezione e pratica – per favorire una trasformazione personale; al fine di sviluppare una presa di coscienza individuale e planetaria, che sappia mettere in relazione la ricerca della bellezza con le conquiste tecnologiche e con le grandi migrazioni, i cambiamenti climatici con i quotidiani contrasti interiori.

MANIFESTO COPPIA

STUDIO D’ARTE VESPASIANI – ONE LAB
Corso Vittorio Emanuele II, 32 – 34 Ripatransone AP

info@mariovespasiani.com


Trattandosi di un evento privato è necessario confermare la presenza.
Maggiori informazioni sul profilo Facebook Mario Vespasiani

Dopo l’interesse suscitato dal primo appuntamento che ha inaugurato la serie di incontri che ha visto la partecipazione del direttore d’orchestra Lorenzo Della Fonte, le serate proseguono mercoledi 9 agosto con la professoressa Loredana Finicelli, la quale tratterà un tema che spazia dall’educazione scolastica ai diritti civili; mentre sabato 12 sarà la volta di Marco Monaldi che ci introdurrà all’esperienza della pratica meditativa nella vita quotidiana.

_______________________

Mercoledi 9 agosto ora 21,30

LOREDANA FINICELLI
CAMPO DI INDAGINE:
INSEGNAMENTO E ATTIVISMOIL TEMA DELLA SERATA:
DALL’EDUCAZIONE SCOLASTICA AL RISPETTO PER LE DIVERSITA’

BIOGRAFIA

Loredana Finicelli è dottore di ricerca in storia dell’arte a La Sapienza di Roma. Docente di multimedialità dei Beni Culturali all’Accademia di Belle Arti di Frosinone e di Lettere negli istituti scolastici superiori. È membro del Di Gay Project che si occupa dei diritti delle donne e del raggiungimento delle pari opportunità della comunità LGBT.

___________________

Sabato 12 Agosto 21,30

MARCO MONALDI


CAMPO DI INDAGINE:
MEDITAZIONE
IL TEMA DELLA SERATA:
LA PRATICA MEDITATIVA TRA LIBERTA’ E CREATIVITA’BIOGRAFIA

Parallelamente al suo percorso artistico, Marco Monaldi intraprende più di quindici anni fa la sua personale ricerca interiore. La sua curiosità lo spinge a sperimentare pratiche e filosofie principalmente di stampo orientale. Dalle arti marziali, discipline energetiche, lo yoga e il buddhismo di tradizione tibetana. Negli ultimi anni, sposa la pranoterapia di Master Choa Kok Sui, e la pratica della meditazione di base buddhista e induista, ma senza definirsi o appartenere ad alcuna religione e scuola.