Al Teatro della Cometa, da stasera e fino al 19 febbraio, la Compagnia Tacchi Misti presenta: Carla Ferraro, Valentina Martino Ghiglia, Laura Mazzi, Silvia Siravo in MOMS! Il primo varietà sulla maternità di Jill Daum, Linda Carson, Alison Kelly, Barbara Pollard, Robin Nichol e Deborah Williams. Traduzione di Valentina Martino Ghiglia. Regia di Ferdinando Ceriani. Testi canzoni di Tony Fornari. Arrangiamenti di Stefano Fresi. Scene e costumi di Marta Crisolini Malatesta. 

Valentina Martino Ghiglia che abbiamo intervistato per TheMartian.eu, asserisce che lo spettacolo di solito fa “scompisciare” dalle risate. Le donne si identificano subito nei personaggi. Gli uomini rivedono le proprie compagne o mogli. Quelli che non hanno avuto figli, invece pensano a cosa gli succederà quando li faranno. Pur divertendo ha anche delle parti un po’ nostalgiche, di humor un po’ crudo, però funziona. L’esperienza precedente in giro per l’Italia, è stata ottima.

moms 2

MOMS! Il primo varietà sulla maternità. Come nasce l’idea?

Il testo è stato scritto da sei mamme attrici-scrittrici canadesi che è stato poi trasportato in Italia con l’aggiunta di canzoni che sono state scritte da Tony Fornari e le musiche da Stefano Fresi. Il regista ci ha rimesso un po’ le mani, per italianizzarlo.

Quali sono le agonie e le estasi della maternità?

Le agonie rappresentano tutte le difficoltà in cui una donna incappa e si trova a doverle affrontare da sola perché spesso il partner si defila in altre faccende. Deve affrontare un’organizzazione eterna per cercare di far quadrare anche la propria vita. L’estasi è avere un bambino che è motivo di grande gioia.

Nonostante tutto…come si riesce ad avere comunque amore per i mostriciattoli?

Nonostante la fatica di averli e di gestirli, non si può non amarli. È proprio questo amore che fa superare qualsiasi difficoltà.

Lo spettacolo è un intreccio di racconti ed aneddoti divertenti. Li avete italianizzati, pur mantenendo fede al testo originale?

Certe cose sono state tagliate, perché non ci appartenevano. Come ad esempio il lavaggio dei pannolini che da noi sono usa e getta.

moms 5

Tutto quello che le mamme non hanno mai osato raccontare. Avete detto tutto o volete aggiungere altro?

Ci sarebbe tantissimo da aggiungere ma purtroppo il tempo è poco. Avremmo dovuto fare almeno altri sette spettacoli. Tocchiamo però tutti i punti, non ne sfugge nessuno. Su questo non c’è dubbio. Non lasciamo niente di evaso. Il tema attira molto.

Elisabetta Ruffolo