Regia: Rama Burshtein

Attori: Noa Koller, Amos Tamam, Ronny Merhavi  

apputamento per la sposa locandinaMichal (Noa Koller) è una israeliana trentaduenne ebrea ortodossa, dopo aver passato anni alla ricerca dell’uomo della sua vita, ad un mese dal fatidico giorno viene abbandonata dal futuro marito.

Considerando che la sala c’è, l’abito è pronto e che sono già stati coinvolti gli invitati, Michal decide: «Mi sposo lo stesso!», convinta che Dio le avrebbe fatto trovare comunque un marito.

È l’inizio di un percorso tragicomico alla ricerca di un uomo da portare all’altare, quattro settimane di incontri, conoscenze, situazioni paradossali e ridicole che accompagnano Michal al giorno delle nozze. Troverà marito? Sarà lieto fine?

RAMA BURSHTEIN

Ritratto della regista Rama Burshtein.

Rama Burshtein è nata a New York nel 1967 e cresciuta in Israele, è profondamente religiosa ed è stata sempre particolarmente attiva nel promuovere il cinema come mezzo di espressione della società ebraica. Ammiratrice della commedia americana, con il suo Appuntamento per la sposa, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 nella sezione Orizzonti, strizza l’occhio alla wedding comedy USA con lo scopo di riflettere sulla realtà socioculturale del mondo ebraico ortodosso.

Per raggiungere questo ambizioso obiettivo Rama utilizza un misto di generi che attraversano la commedia ed il dramma per giungere ad un finale dal sapore surreale, peccato che nel complesso il tutto non soddisfa pienamente le aspettative.

In ogni caso se cercate uno sguardo privilegiato sul mondo ebraico ortodosso avete trovato la regista giusta.

Con La sposa promessa, opera prima, Rama Burshtein ha conquistato un posto al sole nel 2012 alla Mostra del Cinema di Venezia, inoltre, è stato presentato in molti altri festival tra cui Sundunce, New York e Toronto ed ha vinto sette Oscar israeliani, tra cui quello per il Miglior film.

Ritratto di Nora Coen.

Ritratto dell’attrice Nora Coen.

Ma se la protagonista de La sposa promessa, Hadas Yaron (vincitrice della Coppa Volpi come Migliore Attrice nel 2012) è una giovane donna destinata a sposare il marito della defunta sorella, in Appuntamento per la sposa la situazione è completamente ribaltata: la protagonista vuole sposarsi pur non avendo un fidanzato.

Una realtà quella ebraica ortodossa fortemente tradizionale che da una parte (La sposa promessa) indirizza una donna verso nozze programmate e dall’altra (Appuntamento per la sposa) spinge un’altra a cercare a tutti costi un marito per sentirsi parte della comunità e pienamente realizzata.

In entrambe le situazioni, in modi diversi, le due donne sono vittime di un ruolo che è stato disegnato da altri per loro, in modo più o meno consapevole fanno parte di un sistema con limiti e pareti ben precise, in cui, solo apparentemente, esiste la possibilità di una scelta libera.

Gianluca Grannò

Voto ***

Legenda

***** la perfezione; **** da non perdere; *** interessante; ** pregi e difetti; * passiamo oltre.

I ritratti della regista Rama Burshtein e dell’attrice Nora Coen sono di Gianluca Grannò.