Capitale d’Italia e ancora prima dell’antico Impero romano, nonché culla della cristianità, città unica per la sua capacità di ospitare, al suo interno,  un intero Stato straniero e millenni di storia che stupiscono un giorno dopo l’altro i suoi abitanti e i suoi visitatori, Roma è una città dalle mille contraddizioni e dalle mille sorprese. Se vivere nella Città Eterna può essere a volte un po’ troppo stressante per il traffico che la contraddistingue, per il caos e i servizi spesso non all’altezza di quelli delle altre capitali Europee e di altre città italiane, essere abitanti di Roma permette d’altro canto di avere accesso ogni giorno ad angoli ricchi di storia, cultura, natura, arte e tradizione.

Con questo articolo, inizia il nostro viaggio alla scoperta dell’Urbe, partendo dai suoi monumenti e dalle attrazioni più note, fino ad arrivare a quelle meno conosciute e battute dai turisti che, a milioni, giungono ogni anno in città per vivere la magia che solo Roma può offrire.

Prima di iniziare a immergerci nella grande Bellezza di Roma, alcuni consigli pratici:

– cercare di evitare la metropolitana nelle ore di punta: purtroppo il servizio di metropolitana della Capitale conta solo 2 linee (più una terza, che però risulta essere ancora in fase di costruzione e, nel 2016, è attiva solo in un’area più periferica, che non tocca dunque le aree più battute dai turisti), che vengono prese d’assalto anche dai lavoratori che ogni giorno fanno i pendolari tra casa e ufficio. Evitare gli orari di punta al mattino e nel tardo pomeriggio, vi permetterà dunque di vivere con meno stress gli spostamenti, senza contare che il rischio di venire scippati da esperti malviventi sarà notevolmente inferiore; gli stessi romani non potranno far altro che ringraziarvi! Dopo una giornata di lavoro, tornare a casa in una metro affollata, ma non all’inverosimile, sarà anche per loro una bella sorpresa.

– indossare vestiti e scarpe comodi: spesso in una giornata, un visitatore cammina per chilometri. Doversi sistemare ad ogni passo la gonna troppo corta o avere i piedi doloranti dopo poche ore, non è quello che si desidera, quando ci si vuole godere al meglio la giornata.

– armarsi di pazienza: spesso, per accedere ai siti archeologici, alle chiese o alle mostre e gallerie d’arte, bisogna affrontare lunghe code. Forse anche quando il biglietto è stato già acquistato on line (opzione ad ogni modo altamente consigliabile, se possibile). E non solo: c’è anche chi, avendo avuto necessità di parcheggiare nei pressi della metro durante le ore centrali della giornata, ha dovuto attendere in auto davanti alla sbarra d’accesso del parcheggio a pagamento “al completo” finché non si è liberato un posto dopo una coda di 5, 10, 15 minuti (dipende dal numero di auto in attesa davanti a voi)! Se le visite sono ad orari pianificati, dunque, meglio partire con un largo anticipo!

– Evitare di spostarsi in auto in centro: se si pensa che noleggiare un’auto possa essere una mossa vincente, dovrà ricredersi. Girare in centro a Roma con l’auto è difficile: tra assenza di parcheggi, ztl attive a diversi orari e in differenti zone, il rischio di venire sopraffatti dal traffico intenso e disordinato, la vacanza può trasformarsi in uno stress assoluto! Attenzione però anche alle bici: anche se è allo studio l’ampliamento delle zone ciclabili, Roma non è conosciuta per essere una delle città “a misura di 2 ruote”. Girare in bicicletta, causa slalom continui tra turisti e auto che possono con un tocco trascinarti a terra, è un rischio.

– attenzione ai truffatori: come in ogni grande città turistica, non mancano gli imbroglioni, coloro che si inventano ogni giorno un modo per rovinare le vacanze altrui, scippando o raggirando ignari turisti. Tenete sempre d’occhio i vostri averi (mai lasciare il portafoglio nella tasca posteriore dei pantaloni o nello zaino sulle spalle) e diffidate di chi si avvicina improvvisamente in modo troppo amichevole, senza alcuna motivazione!

– distribuire le visite in base ai giorni di permanenza e le zone: meglio dedicarsi, di volta in volta, ad attrazioni vicine in modo che la loro visita sarà più agevole. Ma non esagerate: ci sono musei ai quali, da soli, andrebbero dedicate intere giornate: pensate ai soli Musei Vaticani! Se non volete arrivare a fine giornata sfiniti, cercare di equilibrare al meglio gli appuntamenti della giornata.

– organizzare, se possibile, la gita a Roma nei giorni a ridosso del primo fine settimana del mese. La prima domenica di ogni mese, infatti, diversi musei offrono l’ingresso gratuito (che poi, a volte, risulta essere gratuito solo in parte, poiché viene ugualmente richiesto il pagamento della quota del servizio di prevendita, anche nel caso in cui il biglietto venga ritirato sul luogo della visita). Potete trovare l’elenco sul sito turistico ufficiale di Roma (clicca qui). Si tratta di un’occasione, specialmente per le famiglie, per dedicare una giornata alla cultura e alla storia senza dover spendere una fortuna. Ci sono altre date che permettono di visitare le bellezze di Roma gratuitamente, o quasi: per avere un quadro delle iniziative, meglio controllare i siti ufficiali del Turismo e dei Beniculturali.

– dedicare, se possibile, almeno una giornata per una gita nei dintorni della Città Eterna: ci sono luoghi splendidi a pochi chilometri dal centro città: dal Lago di Bracciano, a Ostia Antica (leggi l’articolo qui), dai Castelli Romani a Tivoli. Luoghi dagli immensi tesori naturalistici, culturali e storici che non potranno far altro che arricchire ulteriormente la vostra esperienza alla scoperta della Capitale e del Lazio.

– vivere la magia di Roma alla sera. E non si intende solo attraverso locali, buon cibo e divertimento. Roma di notte è affascinante e romantica. Ma anche magica. E alcune iniziative culturali lo confermano. Come quella che, durante i mesi più caldi, permette di rivivere la storia dei Fori Romani con luci e suoni: accompagnati dalle voci di Piero Angela e Paco Lanciano, il Foro di Augusto e quello di Cesare ospitano commoventi rivisitazioni dei fasti che furono, riportandoci indietro nel tempo di migliaia di anni. Info sul sito.

– fare i turisti è bello, calarsi nella realtà del posto visitato ancora di più: per esperienze enogastronomiche più appaganti, fate lo sforzo di girare l’angolo e camminare qualche centinaia di metri in più, allontanandovi dalle vie più trafficate; troverete qualche trattoria romana casalinga in grado di fornire maggiori soddisfazioni e non rischierete di mangiare piatti preconfezionati e poco appetitosi!

Ora siamo pronti per scoprire la città. Ma per farlo, ci vorrà un po’ di tempo: i tesori dell’Urbe sono numerosissimi! L’appuntamento è fissato per il primo mercoledì di ogni mese.